28 giugno QUINT' ETTO la leggerezza della classica, il peso della leggera




I 5 musicisti della prestigiosa Orchestra Sinfonica Nazionale di Santa Cecilia hanno riunito in un quintetto la loro passione per "l'altra" musica, o meglio, per le tante altre musiche. Con esecuzioni di altissimo livello strumentale, attraverso arrangiamenti degli stessi musicisti, la formazione ha fatto proprio un repertorio che va dai rock sfrenati di Elvis Presley alle rielaborazioni di musiche di W.A.Mozart, passando per la musica popolare brasiliana, swing, blues, e tango argentini, tra i più famosi e belli mai scritti nel '900.
Rosario Genovese , Ruggiero Sfregola violini, Gianni Leonetti viola, Francesco di Donna violoncello, Andrea Pighi contrabbasso
ognuno ha portato il proprio "etto" di musica... 
ed ecco il QUINT' ETTO

DOMENICA 28 GIUGNO ore 21 all' antiruggine

PASSAPAROLA!


ingresso a biglietto responsabile

10 euro intero
5 euro ridotto
0 euro

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Davvero una serata spassosa quella di ieri sera al capannon. Il Quint'etto ha vaporizzato allegria e buon umore su tutti.
Già dalla lettura delle biografie di questi musicisti [url]www.5etto.com[/url](leggetele! si ride! :-) ) c'era da aspettarsi una performance frizzante ma - per quanto mi riguarda - sono andati oltre ogni aspettativa. Coinvolgenti, simpatici, briosi e bravi, bravi, bravi :-)

Anonimo ha detto...

Grazzie 'a'nonimo!sei gentilissimo e simpatico come tutti i temerarii che hanno sfidato il temporale per ascoltarci delirare a cinque voci.vedrai, ne combineremo ancora delle belle!
grazie capannon te saluta il quint'

Anonimo ha detto...

Per voi, direttamente ispirata dall'insigne poeta Sandro Bondi :-/
http://gamberorotto.com/miscellanea/sandro-bondi-poeta/

Concerto
vibrazioni dell'anima
eco del di-vino
porpora lirismo
vitalità giocosa


'a'nonima ;-)(mi disvelerò il 12 agosto, in Val di Dona, a'd'dio piacendo)

Edo Sartori ha detto...

Non fatevi illusioni. L'anonima qui sopra non si disvelerà di certo in Val di Dona. Conoscendola bene, tre ore di cammino basterebbero e avanzerebbero per farle cambiare anche il più sincero e sentito dei suoi buoni propositi :-)

Edo

piera ha detto...

Mi dispiace tanto non essere venuta, ci saremmo proprio divertiti....Siamo perdonati se diciamo che eravamo impegnati sempre con "faccende musicali", anche se di altro genere?
Quando si potrà ascoltare il quint'etto da un'altra parte?

Anonimo ha detto...

Eravamo in quattro, riuscimmo in due ad individuare prima e ad entrare poi nel capannon. Nonostante assenza di insegne, informazioni vaghe dai locali e il diluvio, attivato giusto per spazzare via i ritardatari disturbatori. Ma ce l'abbamo fatta ed è stato godibilissimo. Portiamo ai nostri due amici dispersi il suono e il colore di questa bellissima serata, grazie. Mario